• Malattie Rare
  • Malattie Polmonari
  • Consigli per i pazienti
  • Esami
  • Ospedale
  • Studi Clinici
  • Appuntamenti
  • Immagine di sfondo

    Tosse che non passa mai:
    che cosa potrebbe essere?

    02 Febbraio 2019

    Tosse da un mese: devo cominciare a preoccuparmi?

    Negli episodi post-influenzali il virus irrita la mucosa dei bronchi causando, in alcuni soggetti, una risposta asmatica. 

    La tosse è un sintomo che può accompagnare tantissime malattie: polmoniti, bronchiti acute e croniche, asma, reflusso gastro-esofageo, pleuriti, pneumotoraci, tumori, problemi cardiologici, solo per citarne alcune, e può anche essere un effetto indesiderato di alcuni farmaci. Le cause di tosse di gran lunga più comuni sono l’asma e la bronchite. Negli episodi post-influenzali che si registrano in questo periodo, il virus irrita la mucosa dei bronchi e delle vie aeree causando, in soggetti predisposti, una risposta di tipo asmatico che è responsabile della tosse. Si tratta, in questi casi, di una tosse stizzosa, che si trascina per parecchie settimane, e che talvolta può diventare “produttiva”.


    Una corretta terapia, quando è presente una componente asmatica, con farmaci broncodilatatori e corticosteroidei, anche per aerosol, è di grande aiuto e, spesso, risolutiva. Teniamo conto del fatto che l’asma è una malattia molto frequente, in forte aumento a causa dell’inquinamento atmosferico e della moltiplicazione delle allergie, ma ancor oggi sottostimata e spesso non correttamente riconosciuta e curata. Sintomi comela comparsa di una tosse molto fastidiosa, irritativa, che talvolta - ma non sempre - si accompagna a catarro
    sono talvolta la prima spia di una forma di asma lieve ancora non riconosciuta. I sintomi dell’asma possono essere infatti molto ingannevoli e variabili nel tempo: un momento i disturbi possono farsi sentire, qualche minuto dopo scomparire.

    Quando i fastidi che si avvertono sono: una sensazione persistente di “raspino” o anche una tosse transitoria, è consigliabile effettuare una radiografia del torace, una visita specialistica e una spirometria. La diagnosi è molto importante anche perché le cure oggi disponibili sono molto efficaci, con effetti collaterali davvero minimi. Nei soggetti portatori di bronchite cronica, frequente acciacco dei fumatori e dell’età avanzata, la tosse invece è solitamente più “grassa”, sono più frequenti le riacutizzazioni batteriche, efficacemente trattabili con cure antibiotiche.
     
    Un campanello d’allarme
    La tosse è un normale e fisiologico meccanismo di difesa del nostro organismo, ma può essere anche un campanello d’allarme, particolarmente in alcune situazioni, come quando il catarro è striato di sangue, o si accompagna ad altri sintomi come un calo di peso, qualche linea di febbre nelle ore serali, spossatezza generale, quando perdura per qualche settimana, quando non permette un sonno riposante. Si tratta, insomma, di un sintomo molto comune ma che può non essere di facile interpretazione e diagnosi, per questo è bene non sottovalutarlo e riferirlo con attenzione al proprio medico registrandone anche le variazioni durante la giornata (si acuisce vicino ai pasti? Aumenta con gli sbalzi di temperatura? Scompare cambiando ambiente?).

    [da Corriere della Sera - Malattie infettive - risponde il dott. Sergio Harari, primario Reparto di Pneumologia, Ospedale San Giuseppe, Milano]