• Malattie Rare
  • Malattie Polmonari
  • Consigli per i pazienti
  • Esami
  • Ospedale
  • Studi Clinici
  • Area medici
  • Immagine di sfondo

    Non mandare in fumo il giorno senza fumo

    31 Maggio 2017

    Giornata mondiale senza tabacco

    Il 31 maggio è la Giornata mondiale senza tabacco promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
    Quanti dati sulla nocività del fumo di sigaretta sono stati resi pubblici in questi decenni? Nessuno oggi ha dubbi sui danni del fumo, tutti sanno che causa malattie respiratorie e cardio-vascolari, tumori polmonari e di altri organi, come quelli del cavo orale e della vescica, e che ha molte altre conseguenze negative. Tuttavia, malgrado tutte queste evidenze, la battaglia è ben lungi dall’essere vinta, anzi.

    I dati sono disarmanti: il business mondiale del tabacco ha solo cambiato geografie e orizzonti ma nel mondo si fuma ancora moltissimo, ormai sono quasi un miliardo i fumatori. L’Italia, Paese che tra i primi approvò nel 2003 una legge innovativa sul fumo, registra ogni anno 90-100.000 morti causate dal tabagismo mentre l’età dei fumatori è sempre più bassa. I giovani sono sempre più indifesi di fronte a questa pericolosa dipendenza.

    La prima causa di morte prevenibile al mondo è lontana dall’essere sconfitta, l’impatto anche in termini di salute pubblica e di risorse sanitarie è e sarà devastante.

    Cosa abbiamo sbagliato? Forse si poteva fare meglio e di più? Una maggiore azione nelle scuole elementari sarebbe certamente utile, è in quegli anni che molto si gioca; vale il detto americano sulla sigaretta “la prima è la peggiore”, l’azione più forte deve essere quella sui più giovani perché non inizino. Una parte di responsabilità va poi anche alla classe medica, spesso cattiva maestra (il numero di medici fumatori resta molto alto): informare e educare è un compito difficile e importante da svolgere con cura, sul quale una maggiore sensibilità non guasterebbe.
    Le accise sul tabacco sono un forte argomento da tenere in considerazione: hanno un’importante azione deterrente, documentata da solidi dati scientifici, andrebbero governate con attenzione e non solo per coprire buchi del bilancio dello stesso stato che gestisce i Monopoli, un loro aumento potrebbe finanziare ricerca medica e Servizio Sanitario. Ma tutto ciò ancora non basta a vincere la battaglia: ho conosciuto malati che sono tornati a fumare dopo un tumore o addirittura dopo un trapianto polmonare, o fumano malgrado fatichino a respirare, sono casi estremi ma rendono l’idea di quanto sia grave la dipendenza da sconfiggere. Solo una forte e autorevole classe medico-scientifica e una politica illuminata potranno vincere questa guerra.