• Malattie Rare
  • Malattie Polmonari
  • Consigli per i pazienti
  • Esami
  • Ospedale
  • Studi Clinici
  • Appuntamenti
  • Tubercolosi: come difendersi dalla “grande ingannatrice”

    07 Aprile 2019

    Dopo il caso della scuola di Motta di Livenza (Treviso) dove una maestra ammalata di tubercolosi ha infettato decine tra bambini e colleghi

    Una maestra elementare di Motta di Livenza (Treviso), ignara di essere ammalata di tubercolosi ha infettato decine di bambini e colleghi, ha sconvolto la piccola cittadina e preoccupa tutto il Paese mentre ci si interroga su come sia potuto accadere un simile evento ai giorni nostri. In realtà la tubercolosi è soprannominata “la grande ingannatrice”, proprio per le sue capacità di sfuggire anche alle più sofisticate indagini diagnostiche. Era la sera del 24 Marzo 1882 quando Robert Koch, medico e batteriologo tedesco, annunciò alla platea di scienziati della Società di Fisiologia di Berlino il riconoscimento del bacillo responsabile della tubercolosi, che da allora porta il suo nome. La scoperta gli valse nel 1905 il premio Nobel.

    Da allora sono passati 137 anni ma la tubercolosi è ancora tra noi, non è stata sconfitta come altre gravi infezioni che hanno contraddistinto la storia dell’umanità. Un terzo della popolazione mondiale è entrato in contatto con il bacillo della TBC; ogni anno ci sono 9 milioni di nuovi casi nel mondo (un milione dei quali in età pediatrica), circa 5.000 nuovi casi all’anno in Italia, Paese a basso rischio. Il test tubercolinico (Mantoux) e i test su sangue hanno una affidabilità buona ma non del 100%, questo vuole dire che si possono avere soggetti falsamente positivi o anche che qualche caso può comunque sfuggire. Bisogna quindi continuare a seguire nel tempo anche i bambini esposti che hanno avuto esami negativi.

    La profilassi, oggi attuata con isoniazide, un chemioterapico da assumere quotidianamente per 6 mesi, è indicata per chi è positivo ai test ma non ha sviluppato la malattia. Cosa vuol dire? Che si è verificato un contatto con il bacillo (come per gran parte della popolazione adulta del nostro Paese), ma che ciò può rimanere per tutta la vita senza alcun significato clinico, senza sintomi, come se nulla fosse accaduto, oppure il soggetto nel tempo potrà sviluppare la malattia in forma conclamata. Nelle forme di malattia conclamata, come quelle che si sono registrate nella maestra di Motta di Livenza e in alcuni suoi allievi, la terapia si basa invece su un trattamento antibiotico a 4 farmaci per 2 mesi, proseguito con 2 farmaci per almeno altri 4 mesi. Se le cure sono osservate correttamente, gli insuccessi terapeutici e le recidive sono rarissimi. La vaccinazione ha un’efficacia non del 100% e una durata di 10-15 anni.